Convegno “La cura del lavoro sociale per la tutela delle fragilità dell’infanzia e dell’adolescenza””

igpost-100

Convegno “La cura del lavoro sociale per la tutela delle fragilità dell’infanzia e dell’adolescenza”

Cittadella (PD) – Villa Rina  dalle 9:00 alle 13:30

Cura” richiama “I Care”, “Mi sta a cuore”, “M’importa”. 

Nel lavoro sociale potremmo coniugarla anche come responsabilità nella consapevolezza, come singoli e organizzazioni del Terzo Settore che si occupano di infanzia e adolescenza, di svolgere, in forma sussidiaria allo Stato, una importante e imprescindibile funzione pubblica. “Tutelare i diritti dei ragazzi e delle ragazze che accompagniamo e accogliamo è il centro del lavoro di cura, del lavoro sociale.” Ciò implica impegno nel suggerire, progettare e realizzare forme, modalità d’intervento e servizi innovativi che rispondano con coerenza e in maniera sempre più efficace a questo imperativo. Ma anche investire in politiche pubbliche di cura, che non si limitino a regolamentare servizi e prestazioni, ma siano orientate a far crescere comunità “si-cure” e accoglienti.

“Ci vuole un villaggio per far crescere un bambino, una bambina, ma ci vogliono bambine e bambini per far crescere una città.” Territori, paesi, città a misura di chi è più fragile, che hanno cura come comunità educativa di chi cresce spesso tra carenze e disagi.

Ma per fare questo dobbiamo anche occuparci delle persone che quotidianamente “curano”. Oggi il lavoro sociale è spesso svalutato, oggetto di pregiudizi, discriminato, reso poco appetibile alle nuove generazioni. Eppure sappiamo che dal lavoro degli operatori, dalla loro formazione, motivazione, professionalità, dipende la qualità delle azioni di cura e, in fondo, la tutela dei diritti dei bambini e bambine, giovani delle nostre comunità.

Come, allora, recuperare una centralità delle politiche sociali di cura?

Come restituire il giusto valore a servizi, interventi in favore dell’infanzia e adolescenza?

Come uscire dallo stereotipo che considera il sociale come costo piuttosto che investimento per il futuro?

Cura” e “Futuro” sono due delle dodici parole chiave che sono state scelte da operatori e volontari di ReteMaranathà in occasione del 40esimo compleanno. La dinamica tra questi due termini ci proietta in avanti e dice che dal valore che sapremo dare alla prima dipenderà l’esistenza della seconda.

 

PROGRAMMA

8.45 Apertura dei lavori

– Manuela Lanzarin, Assessore a Sanità – Servizi sociali – Programmazione socio-sanitaria – Regione Veneto

– Luca Pierobon, Sindaco comune di Cittadella
– Chiara Azzalin, Direttore UOC Disabilità e Non Autosufficienza Alta Padovana Azienda ULSS 6 Euganea

INTERVENTI
Liviana Marelli, Consigliere nazionale CNCA e componente dell’Osservatorio Nazionale Infanzia e Adolescenza e della Consulta Nazionale Autorità Garante Infanzia Adolescenza
Stefano Ricci, sociologo, Co-curatore del Manuale di Programmazione e Progettazione dei servizi per le Nuove generazioni
Mirca Benetton, Presidente corso di studi Scienze dell’educazione e della formazione – Università di Padova
Marco Tuggia, pedagogista co-fondatore di Dedu | Digital Education

11.30 Coffee break

TAVOLA ROTONDA
Coordina:
– Moreno Giacomazzi, Presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese e sindaco del Comune di Santa Giustina in Colle
Chiara Azzalin, Direttore UOC Disabilità e Non Autosufficienza Alta Padovana Azienda ULSS 6 Euganea
Marta Macchi, Unità Operativa Complessa Infanzia, Adolescenza, Famiglia e Consultori Distretto Alta Padovana Azienda ULSS 6 Euganea

13.30 Conclusioni

MODULO D’ISCRIZIONE

Fai click sul pulsante